Gli aghi per creare bijoux: come sceglierli?

Quando parliamo di strumenti per la creazione di gioielli la cosa fondamentale è avere a disposizione ottimi alleati che ci consentano di realizzare qualcosa di estremamente preciso e ben fatto.  Uno degli strumenti fondamentali è senza dubbio l’ago . Si potrebbe pensare che la scelta di quest’ultimo sia estremamente semplice , in realtà non è proprio così.

Sul mercato troviamo infinite marca, misure , dimensioni ! Come si fa a scegliere quello adatto a noi?

Come spesso vi dirò la manualità di ognuno sarà una discriminante fondamentale. Il nostro modo di lavorare e il tipo di lavoro da realizzare incidono fortemente sulle nostre preferenze; ciò che è necessario capire è l’uso che ne dobbiamo fare .
Ogni ago ha caratteristiche ben precise : la lunghezza, lo spessore , la misura del foro , la flessibilità e la misura .

Lunghezza, spessore e misura di un ago per bigiotteria

Un ago standard è lungo dai 48 ai 52 mm. Ne esistono di più corti consigliati in lavori come l’embroidery e il soutache dove è necessaria una presa più decisa e forte che consente il fissaggio sulla stoffa in maniera più semplice; oppure aghi più lunghi che consentono di infilare perle e pietre senza dover ripetere l’operazione troppe volte.
Mentre, per quanto riguarda lo spessore, un ago da tessitura è davvero sottilissimo! Non supera 1-2 millimetri di spessore.
Parlando di misura, invece, gli aghi più usati per la tessitura di perline hanno misura 10-11-12 e più raramente misura 13, dove il numero 10 rappresenta la misura più grande.
E’ necessario, lavorando con perline molto piccole che la cruna passi diverse volte all’interno del foro delle perline. In genere la misura 12 accontenta ogni esigenza, permettendo di lavorare anche con le perline di conteria 15/0. Fate attenzione, li dove specificato alla grandezza del foro della cruna dell’ago.

I nostri consigli

Un ultimo consiglio, prima di passare a qualche esempio pratico, riguarda la flessibilità: esistono aghi più o meno rigidi e più o meno flessibili. Ricordate sempre che se li utilizzate per tecniche come il peyote o con perle di conteria dove incastri e incastonature sono all’ordine del giorno l’ago deve essere necessariamente flessibile o si romperà;  se li utilizzate per la tecnica del ricamo su tessuto vi servirà invece un ago più rigido. Quindi il nostro consiglio è quello di utilizzare questa breve guida adattando la scelta dell’ago al lavoro per cui verrà acquistato

Vediamo nel dettaglio le marche più diffuse in commercio :

  • John James : misure 10-11-12-13 , lunghezza 51 mm , cruna sottile, non troppo flessibile. Una confezione contiene 25 pz . Ideale per lavori di bordatura, in tessitura…. E per chi è sbadato e ne perde in continuazione J
  • Pony : misure 10-11-12 , lunghezza 55 , flessibili . la confezione contiene 6 pezzi. Estremamente economici ideali per tutti i tipi di lavoro
  • Prym : misura 10-12 , lunghezza 48 – 55 mm di lunghezza , la loro rigidità li rende ideali per ogni tipo di ricamo
  • Tulip : rappresentano un must nel mondo delle perline con caratteristiche ottime che si adattano ad ogni tipo di tecnica. I più costosi sicuramente ma anche i più affidabili e duraturi.
  • Miyuki : ottimo il rapporto qualità prezzo . La confezione contiene 6 pezzi , in 3 misure . Flessibili e ideali per tutti i tipi di lavoro.
Articoli correlati
Featured Video Play Icon
Featured Video Play Icon